Efficienza Energetica per le PMI: è attivo il bando regionale

Bando regionale per il finanziamento delle diagnosi energetiche e l'implementazione della ISO 50001 nelle PMI.

Efficienza Energetica per le PMI: è attivo il bando regionale

Il bando

Regione Lombardia ha pubblicato il secondo bando per promuovere l'efficientamento energetico nelle PMI. Sono stati stanziati 2.238.750 euro, di cui 1.567.125 euro messi a disposizione dallo Stato, per coprire il 50% delle spese sostenute per la realizzazione di una diagnosi energetica o per l'implementazione della ISO 50001, in ognuna delle sedi operative fino a un massimo di dieci, in cui si svolge l'attività di PMI.
Si tratta di un bando a sportello in cui l'assegnazione del contributo seguirà l'ordine cronologico di presentazione delle domande dopo la valutazione dei requisiti richiesti.
Le domande possono essere presentate dal 24 febbraio 2020 al 31 marzo 2022 fino a esaurimento risorse.

I destinatari

Possono accedere al bando tutte le PMI con partita IVA registrata nelle sezioni del codice ATECO B (Estrazione di minerali da cave e miniere) o C (Attività manifatturiere) con sedi operative situate in Lombardia.
Le imprese energivore iscritte negli elenchi pubblicati da CSEA potranno richiedere il contributo esclusivamente per l'adozione del sistema di gestione ISO 50001, escludendo dalle spese il costo sostenuto per la diagnosi energetica.

L'agevolazione

L'agevolazione è un contributo a fondo perduto a copertura del 50% delle spese ammissibili sostenute.

Il contributo massimo erogabile per la diagnosi energetica è di 8.000 euro dove tra le le spese ammissibili, oltre a quelle per la realizzazione della diagnosi, rientrano anche le spese per l'eventuale installazione di software o altri dispositivi per la misurazione analitica e dinamica dei consumi energetici della sede produttiva. 
La diagnosi1 dovrà essere completata in data successiva alla comunicazione di assegnazione del contributo e comunque nei 4 mesi successivi.
Entro 24 mesi dal completamento della diagnosi, dovrà essere realizzato almeno un intervento di efficientamento energetico tra quelli suggeriti dalla diagnosi.
È  consentito protrarre la durata di svolgimento della diagnosi energetica, purché la durata complessiva (diagnosi e realizzazione di almeno un intervento) non superi i 28 mesi dalla data di comunicazione del contributo regionale, pena la revoca del contributo.

Il contributo massimo erogabile  per l'implementazione di un sistema di gestione dell'energia è di 16.000 euro dove tra le le spese ammissibili, oltre a quelle per la certificazione di conformità alla norma ISO 50001 rilasciata da un organismo terzo e le spese di consulenza necessarie, rientrano anche:

  • le spese per l'eventuale installazione di software o altri dispositivi per la misurazione analitica e dinamica dei consumi energetici della sede produttiva;
  • le spese per la formazione al personale sul contenimento dei consumi energetici.

Il certificato di conformità del sistema di gestione dell'energia alla norma ISO 50001 dovrà:

  • riguardare l'intera sede operativa e non essere circoscritto a una sola filiera produttiva;
  • essere acquisito in data successiva alla comunicazione dell'attribuzione del contributo regionale  e comunque entro 28 mesi da questa comunicazione.

Le PMI che ottengono il contributo per la realizzazione della diagnosi energetica possono presentare anche domanda per l'adozione del sistema di gestione IS0 50001 se la dotazione finanziaria è ancora disponibile. In questo caso, le spese ammissibili saranno al netto di quelle sostenute per la realizzazione della diagnosi energetica.

Presentazione delle domande

La domanda deve essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa Bandi online all'indirizzo www.bandi.servizirl.it. La domanda dovrà essere presentata dal legale rappresentante dell'impresa o da un suo delegato, in questo caso è necessario allegare alla domanda l'atto di delega. Alla domanda dovranno essere allegati tutti i documenti specificati nel bando, pena l'esclusione dal bando. La documentazione dovrà essere sottoscritta con firma digitale o firma elettronica avanzata.

Il contributo verrà erogato dietro presentazione della rendicontazione delle spese effettivamente sostenute e rendicontate.

Contatti

Per maggiori informazioni contattare gli esperti (Tel. 0258370.206/431, email ).

1. La diagnosi energetica deve essere redatta secondo i criteri di cui all'Allegato 2  del Decreto legislativo 102 del 2014.

Accedi per continuare a leggere

Contenuti correlati
Efficienza energetica per le PMI: pubblicato il bando di Regione Lombardia