Energivori: importanti novità dal 2018

Dal 1 gennaio 2018 entrano in vigore le nuove regole per la classificazione delle aziende energivore e la determinazione dei relativi livelli di contribuzione.

Energivori: importanti novità dal 2018

Agevolazioni per le imprese energivore

Il Decreto del 21 dicembre 2017 riordina il sistema delle agevolazioni per le imprese a forte consumo di energia elettrica ridefinendo i criteri per individuare le imprese che ne possono beneficiare e in quale misura.
Si tratta di un'agevolazione che permette di ridurre parte degli oneri a sostegno delle incentivazioni alle energie rinnovabili e alla cogenerazione (Asos) pagate in bolletta.
Il testo integrale e i documenti di sintesi sono disponibili sul sito del MISE.

A completare l'intero quadro regolatorio le delibere dell’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (ARERA), in vigore dal 1 gennaio 2018: 

  • 921/2017/R/eel che assume le disposizioni necessarie ad attuare il nuovo meccanismo di agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia elettrica;
  • 922/2017/R/eel che completa la riforma della struttura tariffaria degli oneri generali di sistema per i clienti non domestici del settore elettrico coordinandola con il nuovo meccanismo di riconoscimento delle agevolazioni per le imprese a forte consumo di energia elettrica.;  
  • 923/2017/R/eel  che aggiorna, a decorrere dal 1 gennaio 2018, le componenti tariffarie a copertura degli oneri generali di sistema e di ulteriori componenti tariffarie relativamente ai settori dell'energia elettrica e del gas.

Imprese beneficiarie delle agevolazioni

Per beneficiare dell'agevolazione le imprese dovono avere un consumo annuo almeno di 1 GWh ed essere un'impresa manifatturiera che:

  • opera in uno dei settori dell' Allegato 3 delle Linee guida CE;
  • opera in uno dei settori dell' Allegato 5 delle Linee guida CE e hanno un indice di intensità elettrica positivo1 superiore al 20%;
  • è ricompresa negli elenchi delle imprese a forte consumo di energia per gli anni 2013 e 2014 redatti dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA).

Livelli di contribuzione agli oneri generali di sistema

Le imprese manifatturiere appartenenti ai settori riportati negli Allegati 3 e 5 delle Linee guida CE con un indice di intensità elettrica su VAL maggiore o uguale al 20% avranno il livello di contribuzione agli oneri ASOS indicato nella tabella che segue.

Classe di intensità elettrica rispetto al VAL Livello di contribuzione alla tariffa ASOS
20%≤ iVAL< 30% 2,5% VAL
30%≤ iVAL< 40% 1,5% VAL
40%≤iVAL< 50% 1% VAL
iVAL ≥ 50% 0,5% VAL

Le stesse imprese dei settori elencati nelle tabelle 3 delle Linee guida CE con un indice di intensità elettrica su VAL inferiore al 20% e per le imprese ricomprese negli elenchi CSEA del 2013 e 2014 il livello di contribuzione agli oneri ASOS sarà  calcolata  in funzione dell'intensità elettrica su fatturato come indicato nella tabella che segue.

Classe di intensità elettrica rispetto al VAL Livello di contribuzione alla tariffa ASOS
 iFAT< 2% 100%
2%≤ iFAT< 10% 55%
10%≤iFAT< 15% 40%
iFAT ≥ 15% 25%

La componente ARIM è applicata a livello di contribuzione piena.

Il beneficio sarà calcolato utilizzando parametri di consumo “efficiente”, sviluppati dall’ENEA entro luglio 2018, al fine di stimolare gli investimenti in efficienza energetica e sostenibilità. 

Entro il 15 maggio la CSEA dovrà rendere disponibile il portale per l’integrazione delle dichiarazioni attestanti i requisiti degli energivori, in modo da poter effettuare entro il 31 luglio i conguagli delle agevolazioni 2018.

Contatti

Per maggiori informazioni contattare l'Unità Energia al numero 02 58370.431, oppure all'indirizzo email Energia@assolombarda.it.

1 L'indice di intensità elettrica è dato dal rapporto tra intensità elettrica e VAL. Per Val si intende il valore medio triennale del valore aggiunto lordo a prezzi di mercato al netto di eventuali imposte indirette e degli eventuali sussidi, calcolato, per il periodo di riferimento, in conformità a quanto previsto dall'Allegato 4 alle Linee Guida  e sulla base delle disposizioni operative emanate dall'Autorità di regolazione per l'energia, reti e ambiente.

 

 

Accedi per continuare a leggere